14 giugno 2013

Poggio a Caiano, concorso per bibliotecario: diario della commedia

Oggi si è svolta la prova di selezione del concorso pubblico per un posto di assistente bibliotecario part time al 71,5% nella biblioteca comunale di Poggio a Caiano. Il test si è svolto presso il Palazzetto dello Sport "Estraforum" di Prato, era in programma alle ore 10 e hanno partecipato circa 1300 persone (a dimostrazione del momento che vive il popolo italiano).

Ecco come si è semplicemente svolta  la giornata:
- Ore 10.10: apertura cancelli.
- Dalle ore 10.10 alle 12.00 circa: fila per entrare dentro il palazzetto rovente e sistemarsi al suo interno. Le persone vengono sistemate sulle gradinate (una curva e le due metà delle tribune) tutte appiccicate l'una all'altra, divise in ordine alfabetico (quattro lettere, ad esempio dalla A alla D, per ogni settore). Chiunque si conosceva, se aveva la fortuna di avere il cognome che iniziava con la lettera dell'alfabeto vicina alla sua, poteva tranquillamente sedersi accanto e fare il test in gruppo.
- Ore 12.20 circa: arrivo della commissione, con due ore e mezza di ritardo. Agli applausi ironici e ai fischi una di loro risponde: "Qual è il problema?". E a quel punto questa donna ha iniziato a discutere con mezzo palazzetto per circa 15 minuti, rispondendo in maniera decisa a chi la criticava.
- Ore 12.50 circa: distribuzione dei quiz, tutti uguali, senza sigilli o buste. Chiunque poteva copiare tranquillamente i testi vicini (facendo un breve calcolo uno aveva a disposizione, a seconda della posizione, circa 3-4 test da cui copiare) oppure consultare un cellulare o appunti, i controlli erano un po' approssimativi.
- La prova poteva essere completata in 1 ora (mi sembra) anche se molti dopo 20 minuti avevano già finito.
- Altra coda per firmare l'uscita.


Tre ragazze hanno deciso di scrivere questa lettera di protesta che ben riassume la giornata:
Siamo tre ragazze di Prato, tutte e tre laureate e lavoratrici precarie o disoccupate che fanno parte delle migliaia di persone che hanno partecipato al concorso per il posto di assistente bibliotecario part time al 71,5% presso la biblioteca comunale di Poggio a Caiano. Scriviamo questa lettera in preda all'amarezza e alla rabbia, (soprattutto la rabbia), che ci sono rimaste addosso dopo aver assistito alla vergognosa farsa di questo concorso. Chi si iscrive ad un concorso con un solo posto sa benissimo che nella gran parte dei casi esiste già un candidato ideale all'agognata assunzione, tuttavia si partecipa comunque, con la consapevolezza che non bisogna mai lasciare niente di intentato e con la speranza di riuscire quantomeno ad accedere alla graduatoria, un piccolo appiglio ad una possibilità lavorativa per i successivi tre anni. Quello che però uno non si aspetta è di essere preso in giro in modo così sfacciato e plateale, talmente plateale da rasentare la non credibilità. Passino le incompetenze organizzative, che sopportiamo con rassegnazione, (a centinaia in fila per oltre due ore per entrare nel palazzetto, registrarsi e sedersi sulle gradinate, uno appiccicato all'altro), ripetendo come un mantra la solita solfa:"d'altronde siamo in Italia, cosa possiamo aspettarci?"

Passi a malincuore questo, ma che la commissione del concorso si presenti dopo due ore e mezza dall'orario prestabilito, esordendo al microfono con un imbarazzante "Qual'è il problema? Eravamo a fare le fotocopie dei vostri quiz!", in risposta ai fischi e al malumore delle migliaia di candidati stipati sui seggiolini delle gradinate, costretti a cuocere dentro un palazzetto arroventato, questo non passa affatto; che poi i suddetti quiz vengano distribuiti stile volantini pubblicitari, senza buste sigillate, senza sorteggio della prova, senza alcun criterio d'ordine per iniziare a compilarli, (ci chiediamo se sia legale...),tutti identici e con domande che niente avevano a che vedere con la biblioteconomia tranne forse una decina, mentre nel bando di concorso era scritto, cito testualmente, che anche l'eventuale prova pre selettiva sarebbe stata a contenuto tecnico-professionale (salvo pubblicare sul sito del Comune, con un solo giorno di anticipo, l'avviso che invece la prova pre selettiva avrebbe contenuto domande di cultura generale), anche questo non passa proprio per niente; infine, che per rispondere alle 30 domande a risposta multipla venga concessa un'ora (UN'ORA!!! Ma quando mai in un concorso serio si concede più di mezzo minuto a domanda?), in un clima di totale confusione, senza alcun controllo, con persone che risolvevano il quiz in stile "lavoro di gruppo" ed altre libere di consultare telefoni e appunti vari...bè, no, anche questo non può passare. Tutto questo è vergognoso. Alcuni di noi hanno preso il giorno libero da lavoro per presentarsi al concorso, alcuni sono arrivati con i figli neonati a seguito e le nonne o i babbi a fare da babysitter nell'attesa che le mamme completassero la prova (una di noi rientra in questa categoria), altri sono arrivati da fuori regione...per cosa?

Per assistere ad uno spettacolo indecente, buttare via tempo e soldi e sentirsi profondamente presi in giro. Non si può restare zitti di fronte a questo. Ecco perché scriviamo questa lettera, per denunciare lo squallore di questo concorso pubblico e la totale mancanza di rispetto che è stata riservata ai suoi partecipanti. (la lettera prosegue con nomi e email, se volete unirvi alla protesta, a questo link: Prato, concorso "male organizzato". Tre candidate al posto da bibliotecario invitano alla protesta di gruppo)



Questa è una foto del palazzetto, le persone erano l'una accanto all'altra (immaginatevi come sono vicine fra di loro le poltroncine all'interno del palazzetto) con la possibilità chiaramente di copiare tutto:

Il Palazzetto di Prato utilizzato per la prova di selezione del concorso per bibliotecario di Poggio a Caiano
Fonte della foto: Al Palazzetto in 1300 per un posto da assistente bibliotecario al Comune di Poggio a Caiano

Persone che aspettano di entrare nel Palazzetto prima della prova di selezione del concorso per bibliotecario di Poggio a Caiano

A questo link trovate anche l'articolo del Tirreno e la fonte della foto: Prato, concorso "male organizzato". Tre candidate al posto da bibliotecario invitano alla protesta di gruppo


2 commenti:

  1. Salve,
    mi chiamo Giuseppe Lombardo, anch'io ho scritto una lettere al sindaco di Poggio a Caiano per segnalare le criticità organizzative che si sono svolte durante la prova concorsuale del 14 giugno scorso.

    Questo è il link della lettera pubblicata su gonews: http://www.gonews.it/articolo_206384_Maxi-concorso-pubblico-per-un-solo-posto-lettera-di-un-candidato-al-sindaco-Serviva-maggiore-attenzione-alla-preselezione.html

    questa è la mia e-mail: lombardo1977@gmail.com

    Saluti

    RispondiElimina