10 marzo 2012

La Santanchè sbrocca contro un'operaia: "mi sono rotta le balle, si sciacqui la bocca"

Puntata di "L'ultimaparola" in onda su Rai2 con l'onorevole Santanchè che litiga con un'operaia. Quest'ultima le ha chiesto di fare a cambio di busta paga ma la parlamentare non ci sta e le risponde male. (a partire dal minuto 1:58)




7 commenti:

  1. Insomma... il cambio della busta paga non vuole farlo la santadechè...e poteva dirlo subito senza fare tante storie, no!?! ;-))

    RispondiElimina
  2. la Santanchè è un'esperta nello "sciacquarsi la bocca"...

    RispondiElimina
  3. Non la tollero ...

    RispondiElimina
  4. La Santanchè è il classico esempio della caduta vertiginosa della politica negli ultimi 20 anni, grazie al berlusconismo. Il problema è che al peggio non c'è mai fine e le nuove Santanchè sono sempre alle porte!

    RispondiElimina
  5. Per ogni Santanchè, ci sono 10 politici che non valgono una mazza!
    Seppur sono contro le quote rosa, mi rendo conto che certe volte il pensiero maschilista (che a volte prende anche le donne) dilaga, e spero involontariamente in questo caso, ovunque!
    Ad ogni modo, se le quote rosa servono per riempirci di esempi simili di donne, da donna, dico che allora è meglio lasciare questa merda ai soli uomini che ormai, ci sguazzano bene!

    RispondiElimina
  6. Ok, dopo la mia sparata al femminile, e dopo aver ascoltato il video, posso dire che nel contesto la Santanchè ha pienamente ragione! E' la Santenchè che vorrei fuori dal contesto come persona politica... poichè in moltissime occasioni, ha dimostrato di non avere rispetto per chi non è in base ai suoi canoni, alla sua altezza.
    Personalmente, non ho visto la trasmissione e non so come la signora operaia abbia avuto l'esigenza di chiedere di fare a cambio di stipendi...
    Ma seppur mi piacerebbe che gli stipendi degli operai fossero realmente ed al netto più alti, non vedo perchè andare a rompere a chi per sistema che ormai è da anni così disparato, un cambio di stipendio.
    Magari, la stessa domanda la si potrebbe fare ai calciatori di serie A che la domenica sera sono stanchi dopo le loro partite?
    La questione sta nel rispetto che si deve alle persone come individui e non come stipendio che portano a casa o come conoscenze che hanno o per il nome che portano...
    Finchè non superiamo queste barriere, staremmo sempre, da un lato a sbavare per i personaggi ricchi e famosi rodendoci d'invidia e cercando in tutto e per tutto di avere ed entrare nelle loro grazie per imitarli; e dall'altro, staremmo sempre sul piede di guerra e sull'orlo di una pseudo rivoluzione, ma senza mai arrivare da nessuna parte!!!
    Il rispetto dell'individuo deve sempre essere al di sopra di ciò che il loro stipendio produce, sia in un senso che nell'altro...
    Magari, se riuscissi ad avere il video completo e sapere perchè effettivamente la domanda della signora operaia alla signora politico, forse, avrei un'idea più completa della situazione.

    RispondiElimina
  7. ci sono donne che ci rappresentano sicuramente meglio...perchè chiamano sempre lei???

    RispondiElimina