13 dicembre 2011

Di Pietro: Sulle frequenze televisive hanno inciuciato con Berlusconi

Roma, Camera dei Deputati, 13 dicembre 2011. Se il governo Monti non decide di mettere all'asta le frequenze televisive sul digitale terrestre, c'è un chiaro inciucio fra i politici che ne hanno sostenuto l'esecutivo attuale e Silvio Berlusconi. Una sorta di patto scellerato, un accordo di palazzo per liberarsi di Berlusconi con la contropartita del regalo di frequenze a Mediaset. Lo spiega Antonio Di Pietro con la massima schiettezza, assumendosi ogni responsabilità.




Nessun commento:

Posta un commento